Circhi e Spettacolo viaggiante

Servizio I / Attività circensi e dello spettacolo viaggiante: competenze

Può definirsi attività circense quella svolta da un'impresa che, "sotto il tendone di cui ha la disponibilità, in una o più piste ovvero nelle arene prive di tendone, oppure all'interno di idonee strutture stabili, presenta al pubblico uno spettacolo nel quale si esibiscono clown, ginnasti, acrobati, trapezisti, prestidigitatori, animali esotici o domestici ammaestrati”.

Per attività di spettacolo viaggiante si intendono attività spettacolari, trattenimenti e attrazioni, allestite mediante attrezzature mobili, o installate stabilmente, all'aperto o al chiuso, ovvero in parchi di divertimento. Tali attività sono quelle classificate per tipologia con decreto del Direttore Generale per lo spettacolo dal vivo, di concerto con il Direttore Generale per la Pubblica Sicurezza del Ministero dell'Interno, su conforme parere della Commissione consultiva per i circhi e lo spettacolo viaggiante ai sensi dell'art. 4 della Legge 18 marzo 1968, n.337.

Il Servizio I Attività circensi e di spettacolo viaggiante, inoltre , si occupa delle registrazioni, cancellazioni ed aggiornamenti delle predette attrazioni nell'Elenco attività spettacolari, attrazioni e trattenimenti e delle attrazioni di cui all'art. 4 della Legge 18 marzo 1969, n. 337.

Tutti i contatti dell'Ufficio Attività circensi e dello spettacolo viaggiante

Documenti correlati
icon legge 18 marzo 1968, n.337
Disposizioni sui circhi equestri e sullo spettacolo viaggiante
iconDecreto Ministeriale 27 luglio 2017
Criteri e modalità per l'erogazione, l’anticipazione e la liquidazione dei contributi allo spettacolo dal vivo, a valere sul Fondo unico per lo spettacolo, di cui alla legge 30 aprile 1985, n. 163.(G.U. n.242 del 16 ottobre 2017)
iconVademecum al FUS guida al DM 27 Luglio 2017

EROGAZIONE DELLE ANTICIPAZIONI 2019 A FAVORE DEI SOGGETTI FINANZIATI PER IL TRIENNIO 2018/2020 A VALERE SUI FONDI FUS 2

Si pubblica la nota n. 5010 del 18 aprile 2019 con cui il Direttore Generale Spettacolo richiama e comunica i criteri e le modalità per l'erogazione delle anticipazioni FUS relative alle attività dell'anno 2019.

La materia è regolata dall'art. 6 del D.M. 27 luglio 2017.

I soggetti con i requisiti indicati in circolare possono inviare la domanda in carta semplice, a mezzo mail, utilizzando la modulistica allegata entro e non oltre il 17 maggio p.v. Gli organismi richiedenti dovranno indicare, nell'oggetto della mail, àmbito, settore e articolo del D.M. 27 luglio 2017.

Questi gli indirizzi:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Teatro
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Musica
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Danza
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Circhi -Spettacolo viaggiante
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Multidisciplinare
 
Allegati:
Richiesta Anticipazione 80% (PDF)
Richiesta Anticipazione 80% (XLS)
Circolare erogazioni anticipazioni FUS 2019-signed

TERMINE PRESENTAZIONE ISTANZE PER ACQUISTO DI NUOVE ATTRAZIONI, IMPIANTI, MACCHINARI, ATTREZZATURE E BENI STRUMENTALI – ART. 34 D.M. 27 LUGLIO 2017 E S.M.I.

Ai sensi dell'art. 3, comma 4, del decreto di questo Ministero 27 luglio 2017, e s.m.i. il 30 settembre 2019 è il termine ultimo per la presentazione, esclusivamente in modalità telematica con l’apposizione della firma digitale da parte del legale rappresentante della società o del titolare della ditta individuale proponente, della domanda di contributo 2019 per Acquisto di nuove attrazioni, impianti, macchinari, attrezzature e beni strumentali, di cui all’art. 34 dello stesso D.M.. Al fine dell’inoltro dell’istanza di contributo il soggetto sottoscrittore dovrà dotarsi obbligatoriamente:

  • di apposito kit di firma digitale del soggetto abilitato alla sottoscrizione dell’istanza di ammissione al contributo, conforme a quanto previsto dall’Agenzia per l’Italia Digitale nell’elenco pubblico dei certificatori (https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/firma-elettronica-qualificata);
  • di una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC) da utilizzare per l’invio e la ricezione di tutte le comunicazioni/trasmissioni inerenti la pratica di contributo di cui al presente avviso.

 Sia il kit di firma digitale che la Posta Elettronica Certificata (PEC) dovranno disporre di certificati elettronici validi. Non saranno accolte le istanze elaborate difformemente alla predetta procedura telematica.

Accedi alla procedura telematica.