Contributi Circhi e Spettacolo viaggiante

L'Amministrazione eroga contributi alle attività circensi e di spettacolo viaggiante classificate dall'art. 4 della Legge 18 marzo 1968, n. 337.
Per le domande di contributo alle attività fino al 2014, i criteri e le modalità di concessione dei contributi, sono disciplinati Decreto Ministeriale 20 novembre 2007. Dall’esercizio 2015, è vigente invece il Decreto Ministeriale 1 luglio 2014.

Gli stanziamenti statali sono previsti per sovvenzionare la produzione di spettacoli circensi e la loro diffusione in Italia o all’estero, nonché i festival circensi.
Vengono inoltre concessi contributi e a soggetti pubblici e privati che realizzino progetti di promozione finalizzati
a) al ricambio generazionale
b) alla coesione e inclusione sociale
c) al perfezionamento professionale
d) alla formazione del pubblico.

Vengono ammessi a contributo anche i progetti multidisciplinari (Circuiti, Organismi di programmazione, Festival).

Sono previsti anche contributi per l'acquisto d’impianti, macchinari e attrezzature e beni strumentali, per sostegno in caso di danni causati da eventi fortuiti, nonché per sostegno alla strutturazione di aree attrezzate per l’esercizio dell’attività circense.
 
Requisito indispensabile di accesso per gli organismi richiedenti contributi FUS è il comprovato svolgimento professionale dell’attività, e la certificata regolarità in materia di lavoro e previdenza. Tuttavia, ulteriori requisiti specifici e differenti sono richiesti per ciascun settore.
In particolare è ancora richiesta l'esperienza triennale per i richiedenti contributo per acquisti (art. 36)

I contributi vengono concessi per progetti triennali, su programmi annuali.
Sono invece annuali i contributi concessi quelli per le tournée all’estero; per acquisti di nuove attrazioni, impianti, macchinari, attrezzature e beni strumentali (art. 36); per danni conseguenti ad evento fortuito (art. 37); e per strutturazione di aree attrezzate per l’esercizio dell’attività circense (art. 38).

La domanda va presentata entro il termine del 31 gennaio con eccezione per le domande relative all’articolo 36 del presente decreto (da presentarsi entro e non oltre il 31 ottobre di ciascuna annualità) e per le domande relative all’articolo 37, (da presentarsi entro sessanta giorni dalla data dell’evento fortuito).
Nota bene. Con l'entrata in vigore del D.M. 1 luglio 2014, è abrogato il Decreto Ministeriale 20 novembre 2007, ma rimangono in vigore le disposizioni relative alla presentazione della documentazione consuntiva relativa l'eventuale contributo assegnato per l'anno 2014, con anticipazione del termine al 31 maggio 2015.
Per gli art. 11, 12 e 14 il termine scade entro e non oltre dodici mesi dalla data di avvio di ricevimento della notifica di assegnazione del contributo anno 2014.

Per saperne di più visita la sezione Contributi FUS

Normativa in evidenza
icon Decreto Ministeriale 1 luglio 2014
Nuovi criteri per l'erogazione e modalita' per la liquidazione e l'anticipazione di contributi
allo spettacolo dal vivo, a valere sul Fondo unico per lo spettacolo, di cui alla legge 30 aprile 1985, n. 163.
icon Decreto Ministeriale 20 novembre 2007
Criteri e modalità per l’erogazione di contributi in favore delle attività circensi e di spettacolo viaggiante
in corrispondenza degli stanziamenti del Fondo Unico per lo Spettacolo, di cui alla legge 30 aprile 1985, n. 163icon Decreto Ministeriale 3 agosto 2010

EROGAZIONE DELLE ANTICIPAZIONI 2019 A FAVORE DEI SOGGETTI FINANZIATI PER IL TRIENNIO 2018/2020 A VALERE SUI FONDI FUS 2

Si pubblica la nota n. 5010 del 18 aprile 2019 con cui il Direttore Generale Spettacolo richiama e comunica i criteri e le modalità per l'erogazione delle anticipazioni FUS relative alle attività dell'anno 2019.

La materia è regolata dall'art. 6 del D.M. 27 luglio 2017.

I soggetti con i requisiti indicati in circolare possono inviare la domanda in carta semplice, a mezzo mail, utilizzando la modulistica allegata entro e non oltre il 17 maggio p.v. Gli organismi richiedenti dovranno indicare, nell'oggetto della mail, àmbito, settore e articolo del D.M. 27 luglio 2017.

Questi gli indirizzi:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Teatro
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Musica
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Danza
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Circhi -Spettacolo viaggiante
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Multidisciplinare
 
Allegati:
Richiesta Anticipazione 80% (PDF)
Richiesta Anticipazione 80% (XLS)
Circolare erogazioni anticipazioni FUS 2019-signed

TERMINE PRESENTAZIONE ISTANZE PER ACQUISTO DI NUOVE ATTRAZIONI, IMPIANTI, MACCHINARI, ATTREZZATURE E BENI STRUMENTALI – ART. 34 D.M. 27 LUGLIO 2017 E S.M.I.

Ai sensi dell'art. 3, comma 4, del decreto di questo Ministero 27 luglio 2017, e s.m.i. il 30 settembre 2019 è il termine ultimo per la presentazione, esclusivamente in modalità telematica con l’apposizione della firma digitale da parte del legale rappresentante della società o del titolare della ditta individuale proponente, della domanda di contributo 2019 per Acquisto di nuove attrazioni, impianti, macchinari, attrezzature e beni strumentali, di cui all’art. 34 dello stesso D.M.. Al fine dell’inoltro dell’istanza di contributo il soggetto sottoscrittore dovrà dotarsi obbligatoriamente:

  • di apposito kit di firma digitale del soggetto abilitato alla sottoscrizione dell’istanza di ammissione al contributo, conforme a quanto previsto dall’Agenzia per l’Italia Digitale nell’elenco pubblico dei certificatori (https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/firma-elettronica-qualificata);
  • di una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC) da utilizzare per l’invio e la ricezione di tutte le comunicazioni/trasmissioni inerenti la pratica di contributo di cui al presente avviso.

 Sia il kit di firma digitale che la Posta Elettronica Certificata (PEC) dovranno disporre di certificati elettronici validi. Non saranno accolte le istanze elaborate difformemente alla predetta procedura telematica.

Accedi alla procedura telematica.