Contributi Teatro

L'Amministrazione eroga contributi ai soggetti che svolgono attività teatrali in base agli stanziamenti destinati dal Fondo Unico per lo Spettacolo di cui alla Legge 30 aprile 1985, n.163.
Sono considerate attività teatrali, ai fini del sostegno statale, il teatro di prosa anche d’innovazione infanzia e gioventù, il teatro di strada, la commedia musicale - a condizione che il testo e le musiche siano originali e di autori italiani contemporanei – e l’operetta.

Per le suddette attività, se svolte fino al 2014, i criteri e le modalità di concessione dei contributi, sono disciplinati dal Decreto Ministeriale 12 novembre 2007.

Dall’esercizio 2015 e per tutto il triennio 2015/2017, la normativa di riferimento è stabilita dal Decreto Ministeriale 1 luglio 2014, che introduce nuove tipologie di soggetti ammissibili e regola criteri e modalità di concessione del contributo.

Dall’esercizio 2018, è vigente il Decreto Ministeriale 27 luglio 2017, recante “Criteri e modalità per l'erogazione, l’anticipazione e la liquidazione dei contributi allo spettacolo dal vivo, a valere sul Fondo unico per lo spettacolo, di cui alla legge 30 aprile 1985, n. 163”.

Sono individuate le seguenti tipologie di soggetti ammissibili al contributo:

  • Teatri nazionali (art. 10)
  • Teatri di rilevante interesse culturale (art. 11)
  • Imprese di Produzione (art. 13) anche giovanili (art. 13, comma 2)
  • Imprese di produzione di teatro di innovazione sperimentazione e infanzia e gioventù (art. 13 comma 3)
  • Imprese di produzione di teatro di figura e di immagine (art. 13, comma 4)
  • Soggetti che svolgono teatro di strada (art. 13, comma 6)
  • Centri di produzione teatrale (art. 14)
  • Circuiti regionali (organismi di distribuzione, promozione e formazione del pubblico) (art. 15)
  • Organismi di programmazione (art. 16)
  • Festival (art. 17)
  • Soggetti pubblici e privati che realizzino progetti di promozione finalizzati (art. 41)                    

a) al ricambio generazionale

b) alla coesione e inclusione sociale

c) al perfezionamento professionale

d) alla formazione del pubblico.

I progetti multidisciplinari (Circuiti regionali, Organismi di programmazione, Festival) sono disciplinati dagli articoli 37 e ss.

Requisito indispensabile per l’accesso da parte degli organismi richiedenti contributi FUS è il comprovato svolgimento professionale dell’attività (dal 2015 non è più necessario il requisito dell’esperienza triennale).

L’Amministrazione concede contributi per progetti triennali – corredati da aggiornato programma per ciascuna annualità. Concede invece annualmente contributi per tournée all’estero (nonché a manifestazioni di concertisti solisti di riconosciuto valore artistico).

La domanda va presentata entro il termine del 31 gennaio di ogni annualità.

N.B. Con l'entrata in vigore del D.M. 1 luglio 2014, è abrogato il Decreto Ministeriale 12 novembre 2007, ma rimangono in vigore le disposizioni relative alla presentazione della documentazione consuntiva relativa all'eventuale contributo assegnato per l'anno 2014, con anticipazione del termine al 31 maggio 2015.

Per il consuntivo relativo all’anno 2017, da presentare entro il 31 gennaio 2018, operano, invece, le disposizioni del D.M. 1 luglio 2014.

Per saperne di più visita la sezione Contributi FUS

Normativa in evidenza
iconDecreto Ministeriale 27 luglio 2017
Criteri e modalità per l'erogazione, l’anticipazione e la liquidazione dei contributi allo spettacolo dal vivo, a valere sul Fondo unico per lo spettacolo, di cui alla legge 30 aprile 1985, n. 163.
iconDecreto Ministeriale 1 luglio 2014
Nuovi criteri per l'erogazione e modalità per la liquidazione e l'anticipazione di contributi allo spettacolo dal vivo, a valere sul Fondo unico per lo spettacolo, di cui alla legge 30 aprile 1985, n. 163.
iconDecreto Ministeriale 12 novembre 2007
Criteri e modalità di erogazione di contributi in favore delle attività delle attività teatrali, in corrispondenza degli stanziamenti del Fondo Unico per lo Spettacolo, di cui alla legge 30 aprile 1985, n. 163.
iconDecreto Ministeriale 3 agosto 2010

Decreto Riparto Fus 2019

Decreto Riparto Fus 2019 Teatro

Decreto Riparto Fus 2019 Multidisciplinari

EROGAZIONE DELLE ANTICIPAZIONI 2019 A FAVORE DEI SOGGETTI FINANZIATI PER IL TRIENNIO 2018/2020 A VALERE SUI FONDI FUS 2

Si pubblica la nota n. 5010 del 18 aprile 2019 con cui il Direttore Generale Spettacolo richiama e comunica i criteri e le modalità per l'erogazione delle anticipazioni FUS relative alle attività dell'anno 2019.

La materia è regolata dall'art. 6 del D.M. 27 luglio 2017.

I soggetti con i requisiti indicati in circolare possono inviare la domanda in carta semplice, a mezzo mail, utilizzando la modulistica allegata entro e non oltre il 17 maggio p.v. Gli organismi richiedenti dovranno indicare, nell'oggetto della mail, àmbito, settore e articolo del D.M. 27 luglio 2017.

Questi gli indirizzi:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Teatro
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Musica
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Danza
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Circhi -Spettacolo viaggiante
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per gli organismi finanziati in ambito Multidisciplinare
 
Allegati:
Richiesta Anticipazione 80% (PDF)
Richiesta Anticipazione 80% (XLS)
Circolare erogazioni anticipazioni FUS 2019-signed

AVVISO

Termine per la presentazione dei consuntivi 2018

Ai fini dell’erogazione del contributo a saldo, si ricorda che i soggetti beneficiari devono presentare la documentazione relativa al consuntivo 2018 entro i termini previsti dall’articolo 6, D.M. 27 luglio 2017.

In particolare:

- entro e non oltre il 31 marzo 2019, la documentazione relativa all’attività 2018 di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) ; nel caso in cui il soggetto medesimo sia tenuto alla redazione di un bilancio ai sensi dell’articolo 2423 del codice civile, tale documentazione deve essere inviata entro e non oltre il 30 aprile;

- entro e non oltre il 30 settembre 2019, una autodichiarazione resa ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. n. 445 del 2000, attestante l’avvenuto pagamento dei costi di progetto ammissibili di cui all’art. 6, comma 9.

I suddetti termini si applicano anche ai consuntivi 2018 presentati per i Progetti Speciali ex art. 44, comma 2, D.M. 27 luglio 2107 e per i Carnevali Storici di cui al D.M. 17 maggio 2018.

Si rammenta infine che se il termine prescritto scade in un giorno festivo, è prorogato di diritto al giorno seguente non festivo (1 aprile 2019).

MiBACT DIREZIONE GENERALE PER LO SPETTACOLO DAL VIVO
Piazza Santa Croce in Gerusalemme 9/a, 00185 Roma (Italy) 
tel +39.06.67233202/3314 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
C.F. 97804160584